In questo articolo voglio spiegarti in maniera approfondita come collegare Woocommerce a Google Merchant Center, così da poter approfittare delle campagne Shopping e del remarketing dinamico di Google Adwords (oggi Google Ads).

Ma prima di addentrarci nel vivo del tutorial forse hai bisogno di sapere come avviene tecnicamente il passaggio di dati dal tuo e-commerce a Google Merchant Center.

Questo collegamento avviene grazie ad una funzione in parte già sfruttata da WordPress per interfacciarsi con l’esterno: i feed di dati.

Se già conosci l’argomento puoi saltare questa sezione e leggere direttamente il tutorial su come collegare Woocommerce a Google Merchant Center.

Cos’è un feed RSS

I feed sono file in linguaggio XML che riportano, in una sorta di sommario, i contenuti di un sito web.

Di sicuro una volta nella vita avrai sentito parlare dei feed RSS, ossia Rich Site Summary o anche Really Simple Syndication, comunemente usato per gestire i flussi di notizie e aggiornamenti che provengono da siti che ci interessano senza doverli visitare manualmente (fonte).

WordPress genera automaticamente un feed RSS contenente gli articoli del blog. Tutti i dettagli sono disponibili sul sito della documentazione ufficiale di WordPress.

Sfruttando la struttura dei feed possiamo dunque passare le informazioni provenienti dal nostro sito web a Google Merchant Center, così che raccolga una lista dei nostri prodotti.

Ecco il tutorial che ti spiega come collegare Woocommerce a Google Merchant Center.

Come collegare Woocommerce a Google Merchant Center con un feed di dati

Ma come creo un feed di dati contenente la lista dei prodotti creati su Woocommerce?

C’è un gran numero di plugin sia gratuiti che a pagamento che ci facilitano il lavoro, generando per noi un feed con le specifiche richieste da Google.

Quello che prenderò come esempio è Woocommerce Google Feed Manager, che mi sembra ben recensito e abbastanza semplice da impostare.

Woocommerce Google feed Manager

Una volta installato il plugin troverai un nuovo tab (Feed Manager) nella barra laterale sinistra di WordPress che ti permetterà di creare e gestire i feed.

Entrando nelle impostazioni crea il tuo primo feed.

Impostazioni generali del feed

La prima cosa che ti viene chiesta è il nome del feed. In base al tuo business puoi decidere se dare un nome più o meno specifico al feed.

Ad esempio, se vendi sul tuo e-commerce un’ampia gamma di prodotti appartenenti a categorie disparate ti converrà sicuramente essere molto specifico perché andrai a generare un feed per ogni categoria di prodotto presente sul tuo sito.

Ogni categoria può avere un corrispettivo all’interno di Google Merchant Center, e ricorda sempre che Google ama fornire agli utenti contenuti specifici in base alle ricerche che stanno effettuando.

Con una mappatura superficiale delle categorie potresti non essere presente in ricerche rilevanti, Google potrebbe decidere di non mostrare i tuoi annunci o addirittura disabilitare il tuo account Merchant Center.

Se invece il tuo e-commerce vende prodotti appartenenti ad un’unica categoria potresti creare un unico feed con tutti i prodotti in catalogo. A te la scelta.

Il secondo parametro che ci viene chiesto dal plugin è il canale al quale il feed è destinato. Molto probabilmente il plugin sarà una versione free con funzioni limitate, e in una versione PRO avremmo la possibilità di impostare un canale diverso, come ad esempio la vetrina Facebook o un feed per Ebay.

Con questa versione l’unico canale disponibile è Google Merchant Center, dunque a rigor di logica lo selezioniamo.

Inserisci anche il paese di destinazione delle ads e passa all’accoppiamento delle categorie.

Accoppiamento delle categorie Woocommerce/Google Merchant Center

Una volta selezionata la macrocategoria Google in cui rientrano i tuoi prodotti ti verrà mostrata la lista delle categorie dei prodotti presenti sul tuo sito.

Cerca all’interno delle sottocategorie di prodotto Google quella che più si avvicina alla categoria che vuoi accoppiare e infine selezionala dall’elenco alla tua destra.

Per maggiori sulle categorie prodotto Google puoi leggere questa pagina della guida di Google Merchant Center.

Successivamente ti viene richiesto se includere o meno le variazioni dei prodotti, un titolo e una descrizione al feed da generare. A te la scelta in base alle tue necessità.

L’ultimo parametro che ci viene richiesto in queste impostazioni generali è la frequenza con la quale vuoi che il nostro feed si aggiorni. Visto che Google Merchant Center permette un unico refresh dei dati al giorno puoi tranquillamente lasciare le impostazioni di default del plugin, che aggiorna il feed ogni giorno a mezzanotte.

In questa immagine ho creato un feed di esempio contenente tutti i prodotti della categoria portafogli dell’e-commerce fittizio che utilizzo per i test.

Impostare feed per Google Merchant Center

Passiamo dunque alla parte più complicata del tutorial, ossia la mappatura degli attributi.

Mappatura degli attributi

Scendendo ancora nella pagina delle impostazioni del feed puoi trovare la sezione dell’attribute mapping. Qui in pratica diciamo a Google quali campi della tuo pagina prodotto associare ai campi delle schede prodotto di Google Merchant Center.

Rimando nuovamente alla guida di Google Merchant Center per tutte le informazioni su ogni campo richiesto, limitandomi qui a parlare solo di quelli che potrebbero crearti qualche problema.

Buona parte degli attributi saranno già individuati dal plugin per fortuna, altri bisognerà impostarli manualmente.

Descrizione

Ad esempio nella maggior parte dei temi wordpress, Woocommerce ci permette di inserire sia una descrizione breve che una lunga al nostro prodotto. A seconda del modo in cui questi campi sono visualizzati nel tuo template sarai più portato ad inserire l’una, l’altra o entrambe.

Questo campo forse è uno dei più importanti dell’intero feed, poiché nelle campagne Google Shopping gli annunci vengono mostrati agli utenti non in base a keywords che suggeriamo noi nelle impostazioni della campagna, bensì in base a keywords che Google rintraccia all’interno degli elementi del nostro feed.

Quindi se stai utilizzando la descrizione breve invece di quella lunga ti suggerisco di editare il feed inserendo il parametro “Product Short Description”, piuttosto che quello “Product Description” impostato di default.

Brand

Altro parametro fondamentale per Google Merchant Center è quello “brand”, che indica il marchio dei tuoi prodotti. Se ancora non lo hai fatto, crea dunque un attributo per i tuoi prodotti che riporti questo dato.

E nel caso in cui tutti i prodotti facciano parte dello stesso brand? In questo caso puoi evitare di complicarti la vita più di tanto e selezionare come parametro per l’attributo brand “Fill with a static value”, e dunque inserire un brand univoco e statico per tutti i prodotti.

GTIN e MPN

Altri due attributi fondamentali per la buona riuscita del caricamento dei tuoi prodotti in Google Merchant Center sono il GTIN e l’MPN.

Il primo, ossia il Global Trade Item Number è il classico codice a barre e include le varie tipologie di codici disponibili sul mercato, ossia EAN, UPC, ITF, ecc.

Per passare questo parametro a Google Merchant Center con il tuo feed, sarà opportuno creare un attributo GTIN ai tuoi prodotti, ed inserire per ogni prodotto il codice a barre corrispondente. Se non hai sotto mano i codici a barre dei prodotti potresti trovarli grazie ad una veloce ricerca sul web. Piattaforme come Ebay e i tanti GTIN finder possono darti una mano in questo senso.

Il secondo parametro, l’MPN, ossia il Manufacturer Part Number, viene utilizzato per identificare in modo univoco un prodotto specifico tra tutti i prodotti dello stesso produttore. Una sorta di SKU del produttore.

Anche per questo parametro sarà opportuno creare un attributo in Woocommerce e procedere come fatto con il GTIN.

Ricorda che dei parametri brandgtinmpn, almeno due devono essere inseriti per rendere idonei i prodotti alla pubblicazione degli annunci.

Mappatura attributi opzionali

In base alla tipologia di prodotti che stai vendendo sul tuo e-commerce potresti avere bisogno di attributi opzionali nei tuoi annunci shopping. Ti ricordo ancora che essere molto specifici e passare a Google informazioni particolareggiate può fare un’enorme differenza per i tuoi annunci shopping.

Nel mio caso ho selezionato gli attributi che già avevo impostato in precedenza per i miei prodotti.

Gli attributi “colore”, “materiale” e “prezzo in offerta” renderanno sicuramente più complete le mie schede prodotto, e più semplici da attivare i miei annunci shopping.

Ci sono decine e decine di attributi personalizzati, e vederli tutti sarebbe troppo dispendioso. Rimando dunque alla documentazione del plugin nel caso in cui tu problematiche specifiche da risolvere.

Passare un feed di dati a Google Merchant Center

Sei molto vicino a capire come collegare Woocommerce a Google Merchant Center. Manca solo un ultimo step.

Una volta mappati tutti gli attributi salva e genera il feed. Torna nella lista dei feed generati e lì troverai il feed appena generato. Copia dalla tabella l’URL del feed e recati sul tuo account Google Merchant Center, nella sezione Products > Feeds.

Aggiungi un nuovo feed cliccando sull’icona circolare con il segno “+” e continua fino a quando non ti troverai nella schermata in cui dovrai selezionare il nome del feed. Seleziona come metodo di inserimento “Sheduled fetch” e continua.

Nella schermata successiva non ti resterà che inserire il nome del file, nel mio caso Portafogli.xml (la parte finale dell’url del feed), l’ora del giorno in cui Google deve fare l’upload del feed (generalmente imposto circa un’ora dopo l’aggiornamento del feed da parte del plugin) e infine l’URL completo del feed.

Ora che sai come collegare Woocommerce a Google Merchant Center hai un canale di promozione formidabile per i prodotti del tuo e-commerce.

Per altri tutorial sul mondo dell’e-commerce puoi dare uno sguardo alla sezione del mio blog dedicata all’argomento.

A presto!