Guida a Pixel Your Site Pro: tracciamento professionale per WooCommerce

Argomenti: E-commerce, Facebook, Google Analytics, Wordpress

Guida a Pixel Your Site Pro tracciamento professionale per WooCommerce

Se hai letto il mio articolo precedente probabilmente avrai scelto di affidare a PixelYourSite il tracciamento del tuo e-commerce.

Come già detto in precedenza, ho provato di persona diverse soluzioni, gratuite e non, per gestire il tracciamento di siti sviluppati in WordPress, ma quella più completa e professionale è sicuramente PixelYourSite.

Per questi 3 motivi:

  • Una capillarità pressoché totale nel tracciamento;
  • Velocità e semplicità nell’implementazione;
  • Un peso sui tempi di caricamento minimo.

Una soluzione valida sia per aziende che per agenzie web che devono gestire un buon numero di siti in maniera efficiente. In definitiva, una soluzione seconda soltanto ad un minuzioso lavorio manuale eseguito da esperti programmatori.

Ma andiamo subito al sodo e spulciamo sezione per sezione il nostro plugin.

Pixel Your Site: impostazioni generali

Nella dashboard del plugin possiamo inserire gli ID di monitoraggio del Pixel Facebook, dell’account Analytics e di Google Ads.

Nell’immagine in alto ci troviamo nella sezione generale.

Con un add-on gratuita possiamo inserire anche il tag Pinterest, mentre per quanto riguarda Bing Ads è prevista un’estensione supplementare a pagamento.

Scrollando in basso in questa sezione troviamo gli eventi globali.

Pixel Your Site Eventi Globali

Come puoi vedere in questa sezione è possibile tracciare tutti gli eventi legati alle azioni sulle pagine del template WordPress, come ricerche, clic, visualizzazioni di video, iscrizioni, form, commenti, ecc.

Vediamole una per una:

General Event

general event pixel your site - tracciamento woocommerce

General Event è un evento fondamentale per Facebook Analytics. Mentre, infatti, lo script di Google Analytics riesce a dedurre informazioni importanti riguardo ai visitatori del nostro sito e alle pagine che sta navigando, Per Facebook Analytics c’è bisogno di un piccolo incentivo, dato proprio da questo evento.

Grazie a questo evento possiamo creare su Facebook Analytics dei pubblici personalizzati in base alle più particolareggiate azioni che gli utenti compiono sul nostro sito.

È inoltre possibile scegliere un nome e un delay da far attendere prima che l’evento venga “sparato”, e i post types sui quali attivarlo. Nel mio caso articoli, pagine, tassonomie e prodotti WooCommerce.

Altri eventi globali

Scendendo ancora in basso troviamo tantissimi eventi globali legati alle funzioni di WordPress. Non mi dilungherò molto su questi poiché il plugin ci permette semplicemente di scegliere dove inviarli (Pixel Facebook, Google Analytics o Google Ads). Ecco la lista:

  • Ricerche;
  • Clic;
  • Visualizzazioni dei video;
  • Registrazioni;
  • Form;
  • Commenti;
  • Downloads;
  • Clic AdSense;

Utilissima la possibilità (in basso nell’immagine) di poter ignorare il tracciamento per alcuni ruoli (nel mio caso gli amministratori), se non altro per non falsare le statistiche sulle performance del tuo sito, o addirittura per non attribuire erroneamente le vendite ad un canale piuttosto che a un altro. Può capitare ad esempio, a chi inserisce manualmente gli ordini raccolti in chat.

Visto che stiamo parlando di eventi, colgo l’occasione per introdurre la parte più importante di questa guida: come trovo gli eventi tracciati su WooCommerce grazie a PixelYourSite su Google Analytics?

Pixel Your Site: event Category, event Action e event Lable per Google Analytics

Come forse già sai, gli eventi su Google Analytics hanno 3 proprietà: Category, Action e Label, rispettivamente Categoria, Azione ed Etichetta.

Puoi trovare tutti gli eventi che PixelYourSite genera per Google Analytics cliccando sull’iconcina (info) che trovi in alto a destra nella sezione del singolo evento.

PixelYourSite Event Label

Come puoi vedere, per l’evento “Comments” sono specificati la categoria (Comment), l’azione (L’url della pagina in cui è postato il commento), e l’etichetta (il titolo della pagina).

Ed effettivamente se ci rechiamo nella sezione Comportamento -> Eventi -> Panoramica di Google Analytics, troveremo esattamente quei parametri per categoria, azione ed etichetta.

Analytics commenti

 

Dunque per impostare i pubblici personalizzati ricorda di controllare sempre quali siano i parametri di default per ogni singolo evento.

Non-interactive events

Altra piccola precisazione riguardo il tracciamento di Analytics. Noterai sicuramente che per gran parte degli eventi è possibile impostare con PixelYourSite è possibile selezionare la spunta Non-interactive events.

Di cosa si tratta?

Devi sapere che, per impostazione predefinita, gli eventi in Google Analytics influenzano la frequenza di rimbalzo. Se un utente atterra su una pagina e viene attivato un evento, la frequenza di rimbalzo non si alzerà nel caso in cui l’utente non visualizzasse alcun’altra pagina.

Ed in effetti è corretto, visto che se qualcuno interagisce con la pagina in qualche modo probabilmente non vorrai considerare un rimbalzo il suo abbandono.

Ma poniamo il caso che sul tuo sito i video vengano riprodotti automaticamente. Potresti voler impostare il parametro di non interazione in modo che la frequenza di rimbalzo di quella pagina non venga azzerata.

Pixel Your Site: eventi WooCommerce

Il plugin WooCommerce genera diverse pagine grazie ai suoi template e shortcode. Per tracciare gli eventi su queste pagine possiamo recarci nella sezione WooCommerce del plugin PixelYourSite.

Eventi avanzati di marketing

Passiamoli in rassegna:

Frequent Shopper

L’evento FrequentShopper si attiva quando un utente effettua x acquisti sul nostro sito. Il plugin ci permette di modificare il numero di transazioni in modo da adattare l’evento al nostro business. Pensa solo alla differenza che c’è tra un e-commerce che vende prodotti di fascia bassa, con prezzi al di sotto dei 50€, e un e-commerce che vende lavatrici e ricambi per lavatrici.

Nel secondo caso il concetto di acquirente frequente potrebbe adattarsi bene ad un cliente che acquista 2 volte, mentre per il primo questa cifra potrebbe alzarsi anche notevolmente.

VIP Client

VIPClient si attiva quando un utente effettua x ordini sul nostro sito che abbiano un valore minimo x.

Stesso discorso dei Frequent Shopper: tutto è a nostra discrezione in base al tipo di business, alla stagionalità, ecc.

BigWhale Event

Il BigWhale Event si attiva quando un utente raggiunge una Lifetime Value x. Anche in questo caso la cifra è a nostra discrezione.

Ma cos’è la Lifetime Value? Riprendendo le parole di Wikipedia:

La Lifetime Value è un indicatore che misura i profitti prevedibili in base alla relazione con i clienti, a partire dal loro comportamento d’acquisto.

In poche parole consiste nel totale degli introiti che un’azienda può aspettarsi da un cliente in un determinato periodo di tempo osservando il suo comportamento d’acquisto in un arco di tempo ben definito.

Per fare un esempio pratico: sono un fioraio e so che in media le persone che entrano nel mio negozio continuano ad essere miei clienti per 2 anni. Ho due clienti, Marco e Andrea. Marco in 1 anno ha acquistato 3 fiori, mentre Andrea ne ha acquistati 6. I miei fiori costano 1€ l’uno.

Secondo le mie previsioni, dunque, Marco ha una LTV di 6€ (3€ l’anno per 2 anni), mentre Andrea ha una LTV di 12€.

Ovviamente è un esempio molto riduttivo che non tiene conto di tante variabili.

Tornando al nostro plugin, non credo che il suo calcolo della LTV sia così complesso. Mi riprometto di scrivere all’assistenza per chiedere delucidazioni, ma sono quasi sicuro che essa venga considerata semplicemente come il raggiungimento di una certa cifra (da noi modificabile), da parte di un cliente.

Pixel Your Site: eventi personalizzati

Nella sezione Events è possibile impostare il più minuzioso degli eventi personalizzati.

Come puoi vedere ho creato un po’ di eventi personalizzati per uno dei miei clienti. Per ragioni di privacy ho lasciato visibile soltanto l’iscrizione alla newsletter. Questo evento si attiva quando gli utenti visitano la pagina di ringraziamento dopo essersi iscritti grazie ad un form.

Ma ci sono anche altri modi per attivare un evento:

custom event pixel your site

Come puoi vedere, oltre che all’atterraggio su una o più pagine, il plugin ci permette di attivare eventi anche al clic su uno o più link, al clic su uno o più elementi con una determinata classe CSS, o addirittura quando gli utenti passano con il mouse su uno o più elementi (il cosiddetto Hover) del nostro sito.

Il clic sugli elementi con una determinata classe CSS è quello che personalmente prediligo. Attenzione, se un elemento ha più classi CSS esse devono essere tutte inserite senza spazi e precedute dal punto. Ad esempio il clic sull’elemento <div class=”wrapper button”></div> sarà collezionato come evento se specificheremo come selettori .wrapper.button.

event fired on css selector clic

Utilissima la possibilità di specificare URL per i quali l’evento è valido cliccando sul pulsante Add URL filter.

Pixel Your Site: impostazioni Facebook e Google Analytics

Nelle impostazioni di ogni singolo canale è possibile abilitare o disabilitare il canale in questione, oppure attivare funzioni extra, come ad esempio Google Optimize, tracciamento Cross-Domain, e anonimize IP per Google:

Se ad esempio non vogliamo raccogliere dati sugli IP degli utenti (per salvarci dagli obblighi imposti dal GDPR, ma al contempo perdere la possibilità di fare un remarketing accurato), possiamo scegliere di renderli anonimi.

Per quanto riguarda Facebook abbiamo la possibilità di attivare l’Advanced Matching:

Il plugin invierà a Facebook i dati inseriti dai nostri clienti per effettuare una corrispondenza ancora più oculata con i suoi utenti. Altro che Cambridge Analitica.

Pixel Your Site: Head & Footer scripts

Utilissima per aggiungere script personalizzati è la sezione Head & Footer.

Tantissimi plugin e template wordpress hanno questa funzione, ma in PixelYourSite ho trovato la flessibilità di cui avevo bisogno. È infatti possibile decidere dove installare lo script: per tutti i dispositivi, solo per desktop o solo per mobile. Si può addirittura decidere se integrare o meno gli script globali nella pagina “Ordine completato”, oppure includere degli script soltanto per quella pagina.

Questa funzione torna utilissima per tutti gli script dei comparatori di prezzi (ad esempio Stileo, Drezzy, Trovaprezzi, per citare i più famosi), che hanno bisogno di tracciare se l’ordine è andato o meno a buon fine sul nostro sito.

Certo potremmo semplicemente modificare il file WooCommerce  thankyou.php. Ma se non sei un programmatore questa funzione è una manna dal cielo.

Inoltre, grazie all’utilizzo di attributi dinamici, possiamo popolare gli script con dati provenienti direttamente dagli ordini del cliente:

Utilissimo nel caso in cui tu abbia necessità di installare il tracciamento per le piattaforme di affiliate marketing (nel mio esempio ho installato lo script Awin, una delle piattaforme più famose ed utilizzate al mondo).

Pixel Your Site: GDPR

Non utile, utilissima, la sezione GDPR.

PixelYourSite è perfettamente integrato con i più famosi plugin di conformità con il GDPR. Se abbiamo installato uno dei plugin supportati sarà infatti un gioco da ragazzi selezionare, tra i diversi cookie di terze parti che abbiamo installato sul nostro sito, in quale categoria del plugin di Cookie Policy rientrano.

Se invece abbiamo optato per una soluzione diversa, c’è tutto l’occorrente per permettere agli sviluppatori l’integrazione.

Conclusioni

Per tirare le somme, trovo che questo plugin sia una soluzione professionale valida sia per aziende che per agenzie web che devono gestire un buon numero di siti in maniera efficiente. Una soluzione seconda soltanto ad un minuzioso lavorio manuale eseguito da esperti programmatori.

Il prezzo del plugin non è basso, ma è del tutto compensato dall’estrema precisione e pulizia del codice. Ed è a parer mio giustificato dal fatto che, a parità di risultati, il lavoro di un programmatore costerebbe 3 o 4 volte in più.

Puoi trovare maggiori informazioni su PixelYourSite a questo link.

Spero che questa guida ti sia utile. Se hai problemi con la configurazione, oppure vuoi suggerirmi un plugin per il tracciamento che ritieni migliore di questo, scrivimi pure nei commenti. Sarò felice di risponderti.

Commenti

2 risposte a “Guida a Pixel Your Site Pro: tracciamento professionale per WooCommerce”

  1. Avatar Alessandro ha detto:

    Ciao Lorenzo,

    Grazie per la tua guida!

    Ho una domandina :)

    Ho creato i custom event su WordPress usando PixelYourSite; ho fatto un test con il Pixel Helper e gli eventi custom vengono registrati correttamente!

    Ora per potere fare bene le cose, dovrei collegare gli eventi che mi interessano ad una Custom Conversion,
    Il problema è che vengono visualizzati solo alcuni dei custom events.
    Come mai? Forse c’è solo bisogno che passi del tempo?

    Grazie :)

    • Avatar Lorenzo ha detto:

      Si, in genere facebook ci mette un po’ a sincronizzarli. Ti consiglio di controllare di tanto in tanto da Facebook Analytics (utilizzando i filtri nella barra in alto) se sono arrivati abbastanza hit all’evento.
      Comunque tieni conto che con questo plugin è davvero raro dover impostare un evento custom.
      Ti faccio un esempio: creo un popup con un pulsante e voglio tracciare le persone che lo cliccano. In questo non c’è assolutamente bisogno di impostare l’evento custom. Probabilmente stai già tracciando quei click dall’evento con categoria “ClickEvent” che ha come “tag_text” il testo del pulsante. Addirittura, se il link è esterno lo stai tracciando anche dall’evento con categoria “ClickEvent” e come parametro “URL”, il link al quale reindirizzi gli utenti.
      Il problema si pone soltanto quando hai due pulsanti identici con url identici all’interno della stessa pagina, e magari vuoi tracciare quale dei due converte meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Carosello di prodotti WooCommerce con Owl Carousel
22 Febbraio 2020
Carosello di prodotti WooCommerce con Owl Carousel
In questo articolo ti spiego come creare un carosello di prodotti WooCommerce con Owl Carousel. Ovviamente senza utilizzare…
Leggi
Mostrare o nascondere metodi di spedizione WooCommerce in base al totale del carrello
5 Dicembre 2019
Mostrare o nascondere metodi di spedizione WooCommerce in base al totale del carrello
In quest'articolo voglio spiegarti come mostrare o nascondere i metodi di spedizione WooCommerce in base al totale del…
Leggi
Implementare Google Customer Reviews in WooCommerce senza plugin
26 Novembre 2019
Implementare Google Customer Reviews in WooCommerce senza plugin
In questo breve articolo scoprirai come implementare Google Customer Reviews in WooCommerce senza l'utilizzo di plugin. Cerca, per…
Leggi
Tracciamento WooCommerce: Pixel Facebook, Google Analytics e Google Ads con un unico plugin
8 Novembre 2019
Tracciamento WooCommerce: Pixel Facebook, Google Analytics e Google Ads con un unico plugin
Se vuoi entrare subito nel vivo del mio articolo e capire quali siano le migliori alternative per impostare…
Leggi